Seleziona una pagina

La meditazione e lo sport sono due mondi separati e lontani o sono parte di un ecosistema perfetto? Scopriamolo.

Chi pratica attività sportiva, soprattutto ad alto livello, è soggetto alla produzione di un ormone che prende il nome di cortisolo.

Questo ormone è anche detto “l’ormone dello stress”. Viene infatti auto prodotto dal nostro organismo in risposta ad eventi traumatici di vario genere o ad accumulo di tensione.

Lo sport, per definizione, mette alla prova l’atleta durante l’esercizio fisico, producendo così cortisolo.

Quest’ultimo incide sul controllo del peso, sulla qualità del sonno e del riposo e sull’umore.

Alti livelli di questo ormone dunque possono compromettere non solo la prestazione sportiva ma anche la qualità di vita di tutti i giorni.

Abbassare il livello di cortisolo

Un buon riposo tra una sessione di allenamento e l’altra è essenziale per rigenerare i tessuti muscolari “danneggiati” durante l’attività fisica.

Ormai è risaputo quanto dormire 7-8 ore a notte sia benefico per lo sviluppo di massa muscolare e per il controllo del peso.

Che il tuo obiettivo sia perdere peso o aumentare massa muscolare dormire bene è essenziale!

Questo non è l’unico beneficio di un buon riposo, il sonno di qualità infatti è necessario per ristabilire l’equilibrio ormonale.

Se l’allenamento mette alla prova fisicamente, la vita di tutti i giorni può mettere davvero a dura prova la psiche e l’umore delle persone, disturbando il sonno e portandoci ad un circolo vizioso in cui dormiamo male, ci svegliamo nervosi, restiamo di mal umore per tutta la giornata e dormiamo nuovamente male se non peggio.

Date queste premesse è quindi indispensabile garantirsi un buon sonno ristoratore.

Ma come fare?

La meditazione e lo stress

Se lo stress ci mette alla prova tra routine quotidiana e allenamento è necessario avere un’arma che ci permetta di combatterlo.

Quest’arma è la meditazione! Concentrarsi sul respiro, sul famoso “qui e ora”, ci permette di calmare i pensieri, rilassare i muscoli, abbassare il ritmo cardiaco ed entrare in uno stato alterato simile al momento del risveglio mattutino.

Alcuni praticanti più esperti possono raggiungere una concentrazione tale da sentirsi quasi isolati da mondo e allo stesso tempo in perfetta armonia con esso, quasi un’esperienza mistica oserei dire.

Ma di mistico, magico o soprannaturale non c’è nulla.

La meditazione è un vero e proprio strumento di difesa contro lo stress: ci permette di prenderci del tempo per noi stessi staccando dalla vita di tutti i giorni anche solo per pochi minuti, interrompendo il ritmo frenetico della giornata e riducendo quindi l’insorgere di stati d’ansia e di panico.

Praticare la meditazione almeno 10 minuti al giorno ci fa guadagnare ossigeno, ridurre i livelli di cortisolo, riposare meglio e battere il cuore più lentamente.

Come si medita?

Premessa: non sono un maestro yoga né insegno meditazione di alcun genere, perciò ti riporto quella che è la mia esperienza di circa 2 anni da praticante autodidatta.

Io mi prendo dai 10 ai 30 minuti, spesso mi faccio guidare ascoltando un podcast, altre volte metto una musica rilassante o semplicemente ascolto i suoni della natura.

Chiudo gli occhi e inizio con qualche respiro profondo per concentrarmi su di esso e lasciar andare le tensioni.

Sempre con attenzione al respiro lascio che la mia mente si sfoghi nei vari pensieri; lascio che questi si manifestino per poi riprendere a concentrarmi sul respiro e sui rumori attorno a me.

Quando sento di aver trovato pace e calma e sia la mia mente che il mio corpo si sono totalmente rilassati proseguo la mia pratica ancora per qualche minuto visualizzando i miei sogni e miei obiettivi di vita.

Concludo infine la mia pratica concentrandomi sul mio corpo, iniziando a muovere le dita delle mani e dei piedi e dolcemente riaprendo gli occhi.

Conclusioni

Maggiore è il tuo impegno sportivo e lavorativo maggiore è il rischio di entrare in un circolo vizioso in cui ti stressi, dormi male, vivi male la giornata successiva e nuovamente riposerai male.

Per combattere l’insorgere di stati d’ansia e di panico, per controllare il peso, aumentare la massa muscolare, riposare meglio e abbassare i livelli di stress e di cortisolo pratica almeno 10 minuti al giorno di meditazione.

Puoi meditare durante la giornata per spezzare la ruotine e prenderti una pausa oppure prima di andare a dormire per addormentarti più facilmente.

Se ancora nutri dello scetticismo ti dico un’ultima cosa: i benefici sono molteplici e non ci sono controindicazioni, male che va hai riposato 10 minuti, quindi perchè non provare!